Manifesti femministi – Edizione cartacea

15,90


“Radicale”, a partire dal ’68 e fino alla fine degli anni Settanta, fu soprattutto il “soggetto imprevisto” del femminismo.
Con la sua peculiare combinazione di rabbia e proiezione utopica, il manifesto politico è il genere che meglio si presta a restituire la complessità di quella straordinaria stagione che segnò la presa di coscienza delle donne, attraverso un drastico ripensamento delle relazioni tra loro e della forza che da questo deriva.
Riletto attraverso i suoi manifesti, il femminismo radicale sconvolge la banalizzazione corrente di ciò che è stato per riconsegnarci la testimonianza della sua verità e un’immagine in movimento di ciò che potrebbe essere.

 

La donna non va definita in rapporto all’uomo.
Su questa coscienza si fondano tanto la nostra lotta
quanto la nostra libertà.
(Manifesto di Rivolta Femminile 1970)


Autore: Deborah Ardilli
Titolo: Manifesti femministi. Il femminismo radicale attraverso i suoi i suoi scritti programmatici (1964-1977)
Collana:
VanderWomen
Luogo e data di pubblicazione: Milano, ottobre 2018
ISBN carteceo: 9788862986243 – in coedizione con Morellini Editore (coming soon)
Prezzo cartaceo: 15,90 €