Le universitarie tifano per l’eliminazione totale del maschio

Le universitarie tifano per l’eliminazione totale del maschio


di Alessandro Rico (La verità, 12 gennaio 2018)


– Ripubblicata in Italia l’opera omnia di Valerie Solaris, l’attivista radicale che sparò a Andy Warhol e che teorizzò la supremazia delle donne. Su Facebook le sue fan danno vita a una pagina celebrativa.

È una pagina Facebook con circa 500 fan, quella che celebra la pubblicazione in lingua italiana della «trilogia Scum» della controversa scrittrice americana Valerie Solanas, femminista radicale e teorica dell’eliminazione del maschio, che nel 1968 attentò alla vita di Andy Warhol.

Nel 2018, sessant’anni dopo il tentato omicidio di uno dei più grandi artisti del Novecento, arriveranno in libreria i tre titoli più celebri della fondatrice del movimento femminista «feccia» («scum», in inglese): Manifesto Scum, In culo a te e Come conquistare la classe agiata. Prontuario per fanciulle. Il volume, edito da Marellini, è curato da Stefania Arcara, titolare della cattedra di «studi di genere» all’Università di Catania e deborah Ardilli, dell’Istituto storico di Modena.

Nulla da dire, ovviamente, sulla legittimità dell’opera editoriale. A differenza delle femministe stesse, spesso animate da un certo fanatismo censorio, noi riteniamo che tutte le idee, per quanto assurde, possano essere presentate al pubblico. Ma come è lecite esprimerle, è lecito criticarle. Non soltanto perchè l’autrice incensata dal drappello di femministe da social network ne professava alcune oltremodo discutibili, ma anche perchè, dalle curatrici della trilogia, non sembra provenire alcuna esplicita dissociazione dagli esiti violenti cui quelle teorie minacciano di condurre.

La Solanas, nata nel New Jersey nel 1936 e morta a San Francisco nel 1988, da bambina fu vittima di abusi sessuali da parte del padre, esperienza drammatica che deve aver contribuito a quell’odio viscerale nei confronti dei maschi che caratterizzerà tutta la sua parossistica invettiva letteraria. negli anni in cui i figli dei fiori andavano proclamando l’amore libero, infatti, la Solanas, emarginata persino dal movimento hippie, diede alla luce quelle opere, come il Manifesto Scum, in cui definiva il maschio un essere inferiore.

C’è chi addirittura ritiene che la parola Scum, in realtà, fosse l’acronimo di Society for cutting up men, «Società per l’eliminazione degli uomini», che in effetti la Solanas evocava esplicitamente nell’incipit del libro: «Alle donne responsabili, civilmente impegnate e in cerca di emozioni sconvolgenti, non resta che rovesciare il governo, eliminare il sistema monetario, istituire l’automazione globale e distruggere il sesso maschile». Altri interpreti considerano il Manifesto un’opera prettamente satirica, che ribalta provocatoriamente tutti i presunti dogmi della società patriarcale, additando l’uomo come una «femmina mancata» (allusione alla tesi del filosofo greco Aristotele), o trasformando la freudiana «invidia del pene» in «invidia della vagina». Ma se, da un lato, la stessa Solanas confermò che il suo intento era «dannatamente serio», è la sua condotta a dimostrare le finalità tutt’altro che pacifiche.

La Solanas chiese invano a Andy Worhol di realizzare un film basato sulla sua opera Up in Your Ass (In culo a te). L’artista perse la copia che lei gli aveva prestato e, pare, non retribuì il piccolo ruolo della scrittrice nel film da lui diretto, I, A Man. Per vendicarsi, il 3 giugno 1968 la Solanas gli sparò tre colpi di pistola. Giudicata schizofrenica paranoide, scontò tre anni in prigione; Warhol, invece, salvato  per miracolo con un delicato intervento chirurgico, soffrì le gravi conseguenze fisiche e psicologiche di quell’attentato. Il suo amico e collaboratore Billy Name commentò:  «Fu tanto scosso da quell’evento che non gli si poteva mettere la mano sulla spalla senza che saltasse».

Dell’eventuale legame tra le tesi estremiste della Solanas e il tentato omicidio, o del fatto che proprio quelle teorie potessero in parte essere il frutto di una mente malata, non sembra però esserci traccia nè nell’analisi delle curatrici italiane nè nella recensione apparsa il mese scorso su Il Manifesto. In un’intervista comparsa sul blog del collettivo femminista Effimera, anzi, Deborah Ardilli spiega: «È bene chiarire subito che l’obiettivo non era quello di far sparire sotto il tappeto le possibilità violente di Solanas a vantaggio di un’immagine “ripulita” e rassicurante. Ci premeva invece inquadrare quelle possibilità violente all’interno di un orizzonte più largo, sottrarle alle astrazioni del verdetto morale e della schedatura psichiatrica e collegarle a un’intenzione significante indissociabile dal processo intentato da Solanas alla società etero-patriarcale». Insomma, una potenziale omicida diventa quasi un genio incompreso; guai a emettere un «verdetto morale» o una «schedatura psichiatrica». Sarà per questo che, secondo Il Manifesto, è «davvero una bella notizia quella della pubblicazione degli scritti di Valentina Solanas», la cui «fama», si legge genericamente nella recensione, «si intreccia in modi contraddittori con ciò che l’ha resa celebre», ovvero il tentativo di assassinare Warhol.

Lungi davvero dal proposito di ridurre tutto a moralismi o psicologismi, ci resta però un quesito: cosa sarebbe successo se, sessant’anni dopo un tentato «femminicidio», un editore avesse ripubblicato un saggio che esorta alla distruzione del genere femminile? E quante boldrinate sull’hate speech in rete ci saremmo sorbiti, se una pagina Facebook avesse sponsorizzato quell’opera?


 

Scopri l'autore: Federico Nanut

9 Gennaio 2018

Deborah Ardilli: “Valerie Solanas. Trilogia Scum”

9 Gennaio 2018