Deborah Ardilli: “Valerie Solanas. Trilogia Scum”

Deborah Ardilli: “Valerie Solanas. Trilogia Scum”


di Livio Partiti (Il posto delle parole, 27 gennaio 2018)


– Per la prima volta in un unico libro tutti gli scritti di Valerie Solanas, femminista e provocatrice che passò alla storia per aver tentato di uccidere Andy Wharol.

Assurta alle cronache mondiali come la pazza che sparò ad Andy Warhol – tanto che nel 1996 ne venne tratto un film (I Shot Andy Wharol) -, Valerie Solanas fu invece una figura cruciale della controcultura degli anni Sessanta. Frequentatrice del Greenwich Village e della Factory, lesbica dichiarata, icona del femminismo radicale, è l’autrice del celebre Manifesto SCUM. Oggi ritorna alla ribalta, oggetto di rinnovato interesse da parte dei nuovi femminismi radicali e dei queer studies.
La sua opera, riscoperta nel mondo anglosassone da più di un decennio, resta invece ancora poco nota al pubblico italiano. Trilogia SCUM colma questa lacuna, presentando per la prima volta nel mondo tutti gli scritti di Solanas – Manifesto SCUM in una nuova traduzione e due inediti a livello mondiale In culo a te, Prontuario per fanciulle – in un unico volume arricchito da due introduzioni critiche.
Composta prima del risveglio della seconda ondata femminista degli anni Settanta, a cui ha fornito un impulso decisivo, l’opera di Solanas rivela tutta la sua straordinaria attualità. Con la sua verve polemica e provocatoria, cinica e incendiaria, anticipa temi politici e sociali dibattuti ancora oggi, tra i quali l’uso della tecnologia riproduttiva, l’esclusione delle donne dalla cultura, dall’arte, dalla scienza e dalle risorse economiche, il lavoro domestico non retribuito delle donne, il sessismo psichiatrico e la critica radicale all’eterosessualità obbligatoria.

Valerie Solanas (Ventnor, New Jersey 1936 – San Francisco 1988), scrittrice e commediografa.
Piú volte vittima di abusi sessuali, fin dall’infanzia, visse dall’età di 15 anni per le strade di New York sostenendosi con l’elemosina e la prostituzione. Nel 1965 scrisse il dramma teatrale Up your Ass (In culo a te).
Nel 1967 scrisse “SCUM Manifesto”, dapprima autoprodotto e venduto da lei stessa per la strada a 25 cent alle donne e 50 agli uomini, e poi pubblicato da Olimpya Press. Nel 1968 sparò a Warhol, che si era rifiutato di produrre Up your Ass e fu condannata a tre anni di detenzione. Passò il resto dei suoi giorni fra la strada e vari ospedali psichiatrici, morì a San Francisco all’età di 52 anni.

Deborah Ardilli ha conseguito un dottorato di ricerca in Filosofia Politica presso l’Università di Trieste, è traduttrice e studiosa di teoria politica e storia dei movimenti femministi. Attualmente collabora con il “Laboratorio Anni Settanta” dell’Istituto Storico di Modena.

Stefania Arcara insegna Letteratura inglese e Gender Studies all’Università di Catania ed è presidente del Centro Interdisciplinare Studi di Genere GENUS. Si occupa di traduzione letteraria, letteratura di viaggio, scrittura femminile, gay & lesbian studies, queer studies, pornografia e discorsi sulla sessualità nell’età vittoriana.


 

Le universitarie tifano per l'eliminazione totale del maschio

27 Gennaio 2018

Valerie Solanas, la seriale odiatrice di uomini prima dell’avvento di #metoo

27 Gennaio 2018