background

[livre_section_title section_title="Vajont" section_sub_title="l:apos:onda lunga" position="section-header–center" _id="665290" lst_style="{`kc-css`:{`any`:{`title`:{`color|.section-title`:`#262626`,`font-size|.section-title`:`52px`}}}}"]

Dell’onda alta duecento metri che la sera del 9 ottobre 1963 si abbatté su Longarone, Erto e Casso, Castellavazzo e altri comuni fra Veneto e Friuli, abbiamo modo di sapere quasi tutto: che quello del Vajont fu un eccidio annunciato; che lo Stato e l’ENEL si resero colpevoli della morte di duemila persone.
Lucia Vastano prende le mosse da quella notte e in questo libro racconta cosa ne è stato delle tante persone che l’onda non uccise, ma sconvolse per sempre; racconta le trame dell’industria e del malaffare e la complicità della politica; racconta la speranza di giustizia dei sopravvissuti continuamente delusa e il continuo attentato alla corretta memoria storica della tragedia.